Category

Politica

Udienza privata col Presidente della Repubblica Sergio Mattarella

By | Politica | No Comments

Ci sono incarichi che ti inorgogliscono professionalmente prima ancora che gratificarti economicamente. La scorsa settimana, dopo mesi di un lavoro che si basa su logiche e sensibilità peculiari, un nostro Cliente è stato ricevuto in udienza privata dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. È stata una grandissima emozione riuscire a portare al cospetto della più alta carica dello Stato una delle maggiori multinazionali italiane al mondo. In quella stanza si sono incontrati il meglio della storia industriale e istituzionale italiana, due splendide tessere di questo strano puzzle che è il nostro Paese. Due cose, l’industria e le Istituzioni che, a modesto avviso di un lobbyista, dovremmo imparare a rispettare un po’ di più.

Benvenuto Valerio Bordonaro, Analyst & International affairs consultant

By | Politica | No Comments
Diamo il benvenuto in CUI PRODEST Political intelligence | Public affairs | Lobbying a Valerio Bordonaro, un talentuoso esperto di politica e organizzazioni internazionali che si aggrega al nostro team dopo aver maturato significative esperienze politiche a Bruxelles e Roma, città dove ha il privilegio di collaborare con l’ex Primo ministro e Ministro del commercio estero Enrico Letta. CUI PRODEST Political intelligence | Public affairs | Lobbying è una boutique di consulenti senior e l’ingresso di Valerio nel team conferma questa nostra filosofia aziendale, apportando peraltro una nuova vision su orizzonti forse fisicamente lontanti ma altrettanto politicamente sensibili. In CP si fa così 😉

L’importanza della fiducia nel lobbying

By | Politica | No Comments

È successo di nuovo. E giuro su quanto ho di più prezioso al mondo che è vero e che non è la prima volta.

Oggi mi chiama un Cliente, uno di quelli che assistiamo da anni e che, come tutti i nostri Clienti, sa di poter recedere dal contratto gratuitamente in qualsiasi momento. Mi dice che rinnovano e che vogliono investire X mila euro in più in public affairs perché nel 2019 avranno bisogno di più ore-uomo; anzi, già che ci siamo, ci danno nuovo budget già quest’anno perché riconoscono che abbiamo fatto un ottimo lavoro.
Da bambino mi hanno insegnato che gli Scout “pongono il loro onore nel meritare fiducia” ed io ho portato questa sensibilità nella società che dirigo. Oggi Cui prodest è la società di lobbying n.1 in Italia per fidelizzazione dei Clienti – come abbiamo raccontato con la nostra mitica t-shirt “Chi prova il blu non cambia più” – perché, anche se talvolta costiamo più dei nostri concorrenti, lavoriamo sartorialmente ogni giorno per meritare la fiducia dei Clienti, siamo leali, professionali e trasparenti, non facciamo sconti al rinnovo e prima che cercare ossessivamente nuovi clienti, lavoriamo sodo per assistere al meglio quelli esistenti.

Forse perdiamo qualche soldo, è vero; ma la stima non ha prezzo.
E la fiducia, nel lobbying, è tutto. Provare per credere 😉
GRAZIE! Giuseppe Volpe

Il top dell’Industria dei Trasporti incontra il Capo della Segreteria tecnica del MIT al Simposio Cui prodest

By | Politica | No Comments

Innovare nelle relazioni può voler dire fare una cosa antica come il mondo: sedersi attorno ad un tavolo e discutere. Noi di CUI PRODEST Political intelligence | Public affairs | Lobbying che abbiamo il nome in latino lo chiamiamo SIMPOSIO e ne faremo 10, ognuno dedicato ai settori che ci appassionano. Oggi abbiamo avuto privilegio di riflettere sui TRASPORTI DEL FUTURO con un tecnico del Governo, il Capo segreteria tecnica del MIT Fimitri Dello Buono e manager del calibro di Vincenzo Pensa (ACI), Gianluca Andolfi (AIR FRANCE KLM), Alberto de Gaetano (ANIA), Guido Pietro Bertolone (ARCESE), Carlo Mannu (BOSCH), Antonio Melidoni (MERCEDES BENZ), Francesca Chiocchetti (SAMSUNG), Stefano Ravaioli (SITEB), Marina Barbanti (UNIONE PETROLIFERA) e Davide Ghezzi (ZEGO). Un serbatoio incredibile di competenze ed esperienze, con una passione per l’approfondimento, anche tecnico, come piace a noi perché crediamo che esso sia propedeutico a qualsiasi scelta politica.L’allestimento e la creatività, con un menù che racconta il mestiere del lobbyista, l’abbiamo messa noi, ma il successo di questo simposio lo dobbiamo alla qualità dei nostri ospiti. GRAZIE e… stay tuned 😉

Una lettera al Presidente Mattarella sullo Stato di diritto in Italia

By | Politica | No Comments

Da lobbyisti professionisti abbiamo sempre scelto di non schierarci politicamente e di essere una società di persone piuttosto che una società di capitali per porre in seno ai soci una responsabilità illimitata circa quello che facciamo per i Clienti.

Come già fatto dal Governo Gentiloni, il Governo Conte si appresterebbe a rimandare l’applicazione o ad abrogare il regime fiscale dell’IRI.

Noi, come tante altre aziende che hanno avuto la sola colpa di fidarsi di una Legge dello Stato, ci troveremo per il secondo anno consecutivo a pagare il doppio delle tasse che avevamo messo in conto di pagare.

Il tutto per una serie di rinvii e abrogazioni retroattive che contraddicono i più basilari principi dello Stato di diritto.

Ne ha parlato, ospitandoci, Oscar Giannino nella trasmissione “La versione di Oscar” di Radio24 che trovate qui: https://podcast-radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2018/181009-versioneoscar.mp3

Di seguito la nostra lettera al Presidente Mattarella.

Si (ri)vota?

By | Politica | No Comments

Luigi Di Maio, leader del Movimento 5 Stelle, il partito che ha raccolto più consensi alle elezioni dello scorso 4 marzo, constatata l’impossibilità di dar vita ad un esecutivo sia con la coalizione di Centro Destra che ha raccolto più consensi alle ultime elezioni, sia col PD, il partito che ne ha raccolti meno alle ultime elezioni, su Facebook scrive: “andiamo insieme a chiedere di andare a votare e facciamo questo secondo turno a giugno”.
Comunque la si pensi, anche chi non ha letto Saramago e quindi non ha potuto saggiare lo scenario di un risultato identico venuto fuori da una nuova consultazione, potrebbe agevolmente fare i conti con la Costituzione alla mano ed appurare che la prima data utile per votare sarebbe non giugno, come proposto, ma il 23 settembre. Il Corriere della Sera spiega benissimo il motivo qui: http://www.corriere.it/politica/18_aprile_30/voto-giugno-no-data-piu-vicina-le-urne-23-settembre-a5daa476-4c74-11e8-99ac-c9986d6134ff.shtml.
Insomma, votando ad inizio marzo, l’Italia non è riuscita a dotarsi di molto più di un “governo balneare”, come si diceva una volta. Chissà che votando a fine settembre, con le scadenze incombenti della Finanziaria e del Milleproroghe, non si riesca ad avere quantomeno un “governo natalizio”.
E così tra equilibri precari e legittimi giochi di partito, il 2018 andrebbe scivolerebbe via come “l’anno in cui non siamo stati da nessuna parte” per usare le parole di Che Guevara. Se poi questo giovi o non giovi al Paese, non sta a noi tecnici dirlo. Però, in tempi di antipolitica, anticasta, antivitalizi, antistipendi e anti-tutto, val la pena ricordare che quelle poltrone (o lettini) vuoti uno stipendio ad ogni eletto lo stanno legittimamente assicurando. Forse anche di questo terranno conto gli elettori?

Riforma del Senato: impatti sull’attività di lobbying

By | Politica | No Comments

La riforma del Senato e l’attività di lobbying. La riforma del regolamento del Senato del 20.12.2017 reca alcune novità rilevanti rispetto all’iter di esame e approvazione dei disegni di legge. Di seguito, in estrema sintesi, le novità impattanti sull’attività di lobbying:

  • 2 settimane di lavori al mese saranno dedicate unicamente ai lavori delle Commissioni, senza alcuna convocazione dell’Assemblea;
  • l’assegnazione dei disegni di legge avverrà di norma in sede deliberante (esame, modifica e approvazione in Commissione senza passare per l’Assemblea) o redigente (come sopra ma col solo voto finale da parte dell’Assemblea, senza possibilità di presentare emendamenti in Aula).  Restano esclusi da tale meccanismo i disegni di legge in materia costituzionale, elettorale, le leggi delega, le conversioni dei decreti legge, le ratifiche dei trattati internazionale e l’approvazione di bilanci;
  • le Commissioni in sede consultiva potranno esprimere il proprio parere solo sul testo base – o, eventualmente, sul testo unificato – dei disegni di legge e non più sui singoli emendamenti.

Cui prodest ®, l’unica società in Italia ad offrire esclusivamente servizi di lobbying e intelligence politica https://www.cuiprodestonline.it/

Bilancio di fine Legislatura: quante leggi approvate sono state presentate dal Governo, quante dal Parlamento e quante dal Popolo?

By | Politica | No Comments

I numeri parlano da soli. La principale propulsione legislativa viene dal Governo (pur tenendo a mente che nel processo di conversione in legge i decreti legge vengono pesantemente modificati dal parlamento), 301 leggi approvate, poi c’è il Parlamento, origine di 90 delle proposte convertite in legge e da ultimo il Popolo, con sole 2 proposte di di legge di iniziativa popolare approvate.

HTA Europeo: princìpi, tempistiche e processo

By | Politica | No Comments

L’HTA europeo, nelle intenzioni della Commissione, centralizzerà la parte di assessment clinico, realizzato coingiuntamente da Stati membri supervisionati da un Gruppo di esperti e valido in tutta l’UE. Qui presentiamo una breve panoramica di princìpi, tempistiche e processo tenendo conto della proposta della Commissione (che potrà essere modificata da Parlamento, Consiglio e Trilogo):  https://www.slideshare.net/GiuseppeVolpe12/hta-europeo-princpi-tempistiche-e-processo